Grazie ad accurati studi di fattibilità tecnico-economici, TECAM individua per ogni tipologia di acqua reflua la migliore tecnologia di evaporazione (ad acqua calda, a pompa di calore, a ricompressione meccanica del vapore). La creazione del vuoto nella camera di ebollizione e l’impiego di sistemi ad effetto multiplo permettono una riduzione dei consumi energetici, con un conseguente abbassamento dei costi operativi (OpEx).

Il trattamento in loco del percolato prodotto dai rifiuti solidi urbani si rivela una soluzione più vantaggiosa dal punto di vista economico rispetto al trasporto e allo smaltimento dello stesso. TECAM propone diverse tecnologie, tra le quali la UASB (Up Flow Anaerobic Sludge Blanket), che, sfruttando un processo biologico, permette la valorizzazione energetica del percolato grazie alla produzione di biogas.

­

TECAM, che ha installato diversi impianti per la rimozione di sostanze organiche e metalli pesanti dalle acque reflue derivanti dalla bonifica e dal lavaggio di terreni contaminati, è in grado di definire le tecnologie di trattamento più idonee per ciascun caso specifico, analizzando attentamente il rapporto tra costi e benefici, in vista di un rapido raggiungimento del Return On Investment.

­

Gli impianti di trattamento mobili progettati da TECAM rispondono ad esigenze di interventi rapidi, temporanei o periodici. Posizionati all’interno di container e monitorabili da remoto, le loro caratteristiche li rendono facilmente trasportabili e manovrabili e collocabili in aree esterne ed in spazi limitati. Nel caso di periodi di intervento di durata inferiore a tre anni, il noleggio si rivela la scelta più conveniente.

Lo “scarico liquido zero” è raggiungibile in quasi tutti i settori industriali attraverso l’applicazione combinata di diverse tecnologie di trattamento dell’acqua reflua. Avendo come obiettivo il riciclo totale dell’acqua di processo, i sistemi a “scarico zero” mirano alla massima concentrazione delle sostanze inquinanti, delle quali riducono perciò al minimo i volumi e di conseguenza i costi di smaltimento.

TECAM ha progettato un sistema per il trattamento del digestato prodotto da impianti a biomasse che ne riduce i volumi ed il contenuto di azoto, in ottemperanza alla direttiva nitrati, che ne limita lo spargimento nei terreni agricoli. L’utilizzo e la vendita dei sottoprodotti del trattamento come fertilizzanti o combustibili per la produzione di energia termica favoriscono la riduzione dei costi di gestione dell’impianto.